homepage dove siamo iscrizione newsletter email
Gestione Beni Culturali
Castello di San Terenzo
MuDeF-Sarzana
Fortezza Firmafede
Fortezza di Sarzanello
Castello di Calice
Museo della Resistenza
Centro Didattico Sorano
Museo Diocesano Pontremoli
Villa Romana Bocca di Magra
Sito Archeo Barbazzano
Fortezza del Mare
Progetti per conoscere il territorio
Prog.Comunitario For Access
Prog.Comunitario NdR
Progetto Census
Progetto Borghi Vivi
Progetto Sarzana In Rete
Piano Parco P.Venere
Le rubriche di earth
Eventi culturali
Pieve Appennino Festival
Rassegna Parola d'Autore
Cena Storica con delitto
Il Museo si racconta
Le macchine di Leonardo
CittAdella Donna
Attivitą con le scuole
Laboratori di Storia
Educazione ambientale
Laboratori di Archeologia
Chi siamo & Partnership
Earth scrl
Le persone
Trasparenza
Collaborazioni
Lavora con noi
Stage e tesi di laurea
Contatti
Servizi offerti
Gestione siti culturali
Servizi per l'archeologia
Servizi per l'ambiente
sala stampa
Video
Ufficio Stampa
Foto
link
MUDEF Sarzana (SP) - Museo delle fortezze
MUDEF - 27 Sale multimediali poste all'interno della Fortezza Firmafede
1 settembre 2016 - Inaugurato il nuovo museo delle fortezze a Sarzana
Inaugurato il Museo delle Fortezze, la storia diventa multimediale
Oggi 1 settembre 2016 a Sarzana taglio del nastro per il "MUdeF", nuova realtà museale all'interno della Fortezza Firmafede. Cavarra: "Altro tassello al nostro patrimonio culturale", Cavo: "Pieno sostegno dalla Regione".

Sarzana - Taglio del nastro e primi sguardi incuriositi e soddisfatti hanno accompagnato questa sera l'inaugurazione del MUdeF – Museo delle Fortezze che da oggi ha sede all'interno della Cittadella di Sarzana. Attraverso un percorso interattivo che si snoda fra le sale e gli affascinanti sotterranei della costruzione medievale è infatti possibile scoprire vicende e caratteristiche della Lunigiana con particolare attenzione proprio a castelli e dimore che ne sono state parte integrante attraverso i secoli.
Usi, costumi e soprattutto storia di un territorio importantissimo sono stati ricostruiti attraverso elementi multimediali con contenuti attivabili grazie a particolari braccialetti che saranno forniti ai visitatori al posto del consueto biglietto. Mappe interattive, voci ed immagini pensate per raccontare, sia in italiano che in inglese, non solo le vicende di Sarzana ma anche quelle di tutti i borghi circostanti facendo rivivere così un'epoca intera. 

“Questo importantissimo progetto è nato un'intuizione di un grande esperto di architettura come Stefano Milano – ha detto il sindaco Alessio Cavarra aprendo la cerimonia davanti a giunta, esponenti del consiglio comunale, operatori culturali e rappresentanti delle forze dell'ordine – ed unisce Val di Magra, Val di Vara e tutta la Lunigiana storica. Oltre a rendere fruibili ai visitatori aree mai utilizzate – ha aggiunto – offre anche tecnologie che consentono di avere uno sguardo di insieme sui castelli del territorio. Con le nostre due fortezze possiamo contare su un complesso unico a livello europeo e ringrazio tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di quest'opera che ci consente di aggiungere un altro tassello al nostro patrimonio culturale e all'offerta turistica di Sarzana”. 

Fra questi c'è anche la Regione Liguria, rappresentata dall'assessore alla cultura Ilaria Cavo: “Quella di oggi è una giornata importantissima perché questa apertura segna una sinergia importante fra la storia della città ed un valido progetto multimediale. Da parte della Regione – ha sottolineato – c'è grande vicinanza e partecipazione, abbiamo ritenuto giusto cofinanziare l'opera ed offriamo la massima disponibilità per fare in modo che la fruizione del museo possa essere rilevante. Si tratta di un'altra bella tappa nel percorso di valorizzazione della Liguria che stiamo portando avanti e che qui può contare anche sul Festival della Mente che si aprirà domani, siamo disponibili a progettare e costruire ancora qualcosa di importante e sono sicura – ha concluso – che il MudeF sarà un viaggio bello e sorprendente per chi verrà a vederlo”. 

Curato da ETT Spa nell'allestimento multimediale il museo è stato realizzato dai progettisti Roberto Ghelfi, Giorgio Rossini e Daniela Scarponi e seguito dal direttore delle due fortezze Raffaele Colombo e dalla direttrice del Polo Museale Serena Bertolucci. “Sono contenta di essere qui nel primo luogo dove sono arrivata nel giorno del mio insediamento – ha affermato – questo è un punto di partenza perché il vero lavoro per tutti inizia oggi. Dovete fare di questo spazio un luogo vostro e di tutto il territorio"

Un museo all'altezza di una città che punta con decisione sul turismo e sulla promozione del proprio patrimonio storico e culturale, e che come tale dovrà essere promosso e curato.
| copyright earth scrl p.iva 01051410114 | partita iva: 01051410114 | admin | site by metaping |